LA VALLE INCANTATA
Percorsi naturalistici a piedi e in bicicletta nella Valle di Cintoia
Cintoia Greve in Chianti  -  Panorama

Per chi proviene da Sud, uscire al casello di Incisa Valdarno e seguire le indicazioni per Figline Valdarno. Seguire le indicazioni per Greve in Chianti fino a Dudda e poco dopo le indicazioni per Strada in Chianti (Km percorsi 15, minuti 20). Per chi proviene da Nord, uscire al casello di Firenze Sud e seguire le indicazioni per Greve in Chianti. Superato il paese di Strada in Chianti prendere la S.P. N° 66 per Cintoia - La Panca. (Km percorsi 15, minuti 20).Per chi proviene da Greve in Chianti prendere la S.R. 222 in direzione di Firenze e prima di arrivare a Strada in Chianti, al Km 14, girare a destra e prendere la SP 66 per Cintoia- La Panca (Km percorsi 13, minuti 15). Lungo la Valle si trovano alcuni itinerari realizzati dal CAI di FI, in particolare l'itinerario 00, il 18 e il 22, contrassegnati dalla tipica segnaletica orizzontale e verticale di colore bianco-rosso. E' visibile in zona anche la segnaletica realizzata nell'ambito del progetto "Chianti progetto integrato escursionismo".

La Valle di Cintoia è un territorio ricco di storia, le prime testimonianze della presenza dell'uomo risalgono al periodo "Villanoviano" (XI - VIII sec. a. C.) durante il quale attraverso questa Valle passavano alcuni percorsi detti della "transumanza", utilizzati per spostare gli animali da Nord a Sud e viceversa, alla ricerca di pascoli e di condizioni metereologiche migliori. Il periodo etrusco (VII - Il sec. a. C.) ha lasciato le sue tracce in alcune strade che attraversano la Valle, il ritrovamento di alcuni resti di epoca etrusca fanno ritenere plausibile l'esistenza di insediamenti abitativi in località Monte Moggino e Piè Vecchia. L'insediamento dei romani (I sec. a. C. - V sec. d. C.) vede un aumento dell'importanza della Valle di Cintoia come via di comunicazione privilegiata tra il Valdarno e la nuova colonia di Firenze.

Cintoia Greve in Chianti Panoramica

Cintoia Greve in Chianti

Cintoia Greve in Chianti

cintoia

Tra Casignano e Monte Moggino è tutt'oggi parzialmente visibile una larga strada "basolata" con pietra arenaria larga circa 3 metri. Esistono vari studi, approfonditi in seguito a ritrovamenti di epoca romana nella zona tra S. Giusto e Rugliana, che accreditano il passaggio della Via Cassia Adrianea (strada di epoca imperiale) proprio dalla Valle di Cintoia ed in particolare lungo la direttrice La Panca- Casignano-Cintoia-Sezzate. Con il crollo dell'Impero Romano e il susseguirsi delle invasioni barbariche la condizione della popolazione peggiorò notevolmente e questo andò ad influire anche sulla qualità delle strade che non furono più curate come nei secoli precedenti. Durante il periodo del Regno Longobardo una delle più importanti vie che attraversano la Valle è la "Strada del Guardingo di Passignano" che collega il Valdarno con la Valdelsa e che, tra l'altro, segue in parte l'antico percorso etrusco Fiesole-Volterra. Il valore di questa strada è aumentato nel medioevo grazie alla presenza dell'Abbazia di Passignano e di Monte Scalari, oltre ad alcuni "spedali" presenti lungo la Valle di Cintoia.

La Valle di Cintoia copre un'area di 15 Kmq, è localizzata nella parte Nord del Comune di Greve in Chianti ed è attraversata da Sud a Nord dal Rio Sezzate. L'altimetria oscilla dai 300 metri del fondo- valle agli oltre 700 metri delle colline che la circondano, lo sbocco naturale della Valle si trova a Nord in corrispondenza della confluen- za con la Valdema. L'area di interesse è delimitata ad Est e ad Ovest rispettivamente dal crinale che la divide dalla Valle dell'Ema e dalla Valle della Greve e a Sud dal valico di La Panca che la separa dalla Valle del torrente Cesto. Le principali alture sono Monte Moggino (730 m), Poggio di Rugliana (701 m), Poggio della Noe (688 m), Monte Collegalle (670 m) e San Giusto (642 m). Il Rio Sezzate nasce dalla confluenza di alcuni borri che hanno origine lungo le pendici del Poggio di Rugliana e del Monte Scalari ed è caratterizzato da un marcato regime torrentizio con abbondanti piene durante l'autunno e lunghi periodi di siccità durante l'estate. Da un punto di vista geologico la presenza di arenaria macigno, conosciuta anche come pietra serena, con l'azione erosiva dell'acqua ha portato allo scoperto gli strati sottostanti di scisti policromi (scaglia rossa toscana) in particolar modo nel fondovalle e lungo il versante occidentale dando vita ad una vallata in alcuni punti molto stretta e con i fianchi delle colline con pendenze accentuate.

cintoia

Cintoia Greve in Chianti

Home Page
Eventi
Arte sul territorio

Video
La Valle di Cintoia
Flora
Fauna
Luoghi
Itinerario 1
Itinerario 2
Itinerario 3
Il tracciato della Chiantigiana
Natura e Arte
Segni di fede
Prospettive
Libri
Aziz
Bini
Cavallini
Del Giudice
Granucci
Framis
Guasti
Mitoraj
Moradei Gabbrielli
Nicolaus
Staccioli
Talani
Il Seminatore(Del Giudice)