Bino BINI "Gallo nero" (1997)
Bronzo, h. 2.70 m. Greve, Largo Bino Bini

"C'è qualcosa di antico che unisce ancora uomini e animali nel loro carattere". Queste le parole di Bino Bino che Antonio Paolucci riporta, per l'efficacia comprensione della sua personalità artistica, in occasione della mostra tenuta a San Marino nel 1997, ed aggiunge: "Il mondo è un libro figurato dove ogni cosa è metafore di altre cose, dove ogni creatura esiste perché serva da esempio a da monito. A me sembra che Bino Bini attraversi da scultore moderno, però dotato di un cuore meravigliosamente antico, il mondo visibile allo scopo di raccogliere i segni che ogni creatura vivente porta con se, segni che aspettano solo di essere decifrati e spiegati.

Parlano, infatti, il gallo e la volpe. Parlano di se stessi, della loro viva naturalità." Esattamente come nei formulari dei grandi anima listi dell'antichità, il suo immaginario artistico prende corpo, si manifesta cçn acuta descrizione, con cura del particolare ma soprattutto con dinamica vitalità. Il suo stile è la sintesi tra il rigore formale, consapevolezza della storia e del mito ed espressione di un cuore puro che non scade mai in descrittivismo o vuoto sentimentalismo. I suoi animali sono realistici ma allusivi, stilizzati eppure così "veri", come il gallo nero, la scultura in bronzo realizzata per Greve in Chianti, nel quale dalle parole dell'autore apprendiamo: "la stilizzazione 'del gallo non trasforma la verità, anzi la esalta e la rende vera, forse più vera del vero".

Bino Bini (Firenze 1916-1997), dopo essersi diplomato all'Istituto d'Arte della propria città, ha insegnato per vari anni "tecnologie orafe" nello stesso istituto e in seguito all'Istituto "Margaritone" di Arezzo. È stato membro dell'Accademia delle Arti del Disegno di Firenze e dell'Accademia Nazionale "Luigi Cherubini", dell'Accademia "Lettere, Scienze e Arti" di Milano, medaglia del Ministero della Pubblica Istruzione per i benemeriti della Scuola delle Cultura e dell'Arte. La sua attività è stata assai vasta, spaziando dalla scultura alla medaglistica fino all'oreficeria.

Home Page
Eventi
Arte sul territorio

Video
La Valle di Cintoia
Flora
Fauna
Luoghi
Itinerario 1
Itinerario 2
Itinerario 3
Il tracciato della Chiantigiana
Natura e Arte
Segni di fede
Prospettive
Libri
Aziz
Bini
Cavallini
Del Giudice
Granucci
Framis
Guasti
Mitoraj
Moradei Gabbrielli
Nicolaus
Staccioli
Talani
Il Seminatore(Del Giudice)