Il Seminatore - Fonderia Artistica Del Giudice di Sarah e Giacomo Del Giucice Rotatoria Nord Variate di Strada in Chianti

UNA SCULTURA PER ... STRADA di Sarah Del Giudice - L'idea ci fu proposta da due simpatici anziani abitanti della frazione di Strada. L'enfasi con cui ci illustrarono la loro idea di lasciare a Strada un simbolo del loro passato, del loro vissuto e della storia che accumunava chi come loro aveva una certa origine territoriale e culturale ci coinvolse a tal punto che non esitammo a preparare un bozzetto di quanto ci andavano a richiedere. La scelta del soggetto ricadeva sulla realizzazione di un contadino nell'atto della semina, che simboleggiava molto di più; chi semina infatti lavora nella speranza di raccogliere i frutti della propria fatica, una lezione morale anche perché chi semina programma il futuro.

Qualcuno per la strada tortuosa di portare a termine un progetto del genere con il tempo si è fatto coinvolgere, qualcun altro ha mollato l'idea, ma la volontà e la tenacia di Antonio Tapinassi, ha portato in fondo il progetto coinvolgendo molte persone, sensibilizzando enti, aziende del settore e non, valorizzando anche quello che è il nostro operato di artigianato artistico e di lavoro storico e particolare. Grazie all'appoggio dell'amministrazione comunale, all'impegno del sindaco e degli assessori, alla collaborazione della provincia, la scultura si è realizzata e verrà istallata in un luogo ampio e aperto, la nuova rotonda Nord di Strada in Chianti.

Seminatore Strada in Chianti

enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge
enlarge

Galleria foto inagurazione del 13 novembre 2012, clicca l'immagine per ingrandire

seminatore strada in chianti

Dal canto nostro ci siamo messi in gioco in prima linea, e abbiamo sposato e contribuito al progetto mettendo a disposizione il nostro lavoro e la nostra esperienza, con la grande volontà di realizzare una scultura che non badasse alle dimensioni e ai costi preventivati, ma cercando di realizzare un lavoro di qualità. Abbiamo aperto le nostre porte per dar la possibilità a chi fosse stato interessato un mestiere particolare come il nostro, non molto conosciuto, abbiamo documentato con foto tutto il lavoro di realizzazione dell'opera dall'inizio alla fine, per far capire a chi contribuisce il tipo di lavoro, l'impegno, la fatica fisica che si cela dietro ad un opera scultorea del genere. Il progetto della scultura del "Seminatore" non rappresenta soltanto la solita realizzazione e istallazione di un monumento pubblico, ma si è trasformata, a nostro avviso, in un evento culturale pubblico.
Un progetto importante che ha visto il coinvolgimento dei bambini delle classi IV e V della scuola elementare della frazione, ai quali sono state aperte le porte della fonderia per dar loro la possibilità di vedere dove e come si realizza un opera che ha la pretesa di durare per secoli. In questo modo i bambini si sono resi partecipi della creazione di un opera pubblica, anche loro patrimonio, nella speranza che il coinvolgimento in prima persona (molti di loro hanno lasciato la loro impronta, nel vero senso della parola, sulla scultura) li porti ad avere rispetto verso le cose che sono di tutti, e quindi anche loro. importantissimo è stato il contributo e il coinvolgi mento delle persone del paese, che si sono visti promotori, finanziatori e collaboratori, e le motivazioni che hanno spinto alla voglia di partecipare sono state ancora più coinvolgenti e appassionanti. Una scultura che è divenuto bene e volontà di molti. La scultura del "Seminatore" si e' trasformata in un occasione di incontro e di scontro, di dialogo e di conoscenza, di contributo e crescita sociale, simbolo di memoria duraturo all'interno di un luogo.

FONDERIA ARTISTICA DEL GIUDICE LEONARDO

La Fonderia artistica Del Giudice Leonardo viene fondata nel 1974 in una antica casa colonica nelle campagne della periferia di Firenze da Leonardo Del Giudice, figlio di Mario napoletano di nascita e toscano d'adozione grande maestro nell' arte della fusione. Nel 1980 comincia con un primo artista a lavorare sulla introduzione di opere uniche per artisti contemporanei tramutando così negli anni la produzione artistica di riproduzioni classiche in realizzazione di opere contemporanee dai vari stili e dalle svariate dimensioni per artisti nazionali e internazionali. Nel 1987 trasferisce la ditta nell' insediamento artigianale che sta nascendo tra le colline del chianti nella località di Meleto a Strada in Chianti (sede dell' attuale fonderia). Il figlio di Leonardo, Giacomo, seguendo le orme del padre e del nonno, dall' età di quindici anni si dedica allo stesso lavoro con passione apprendendone le varie tecniche e i segreti dei vari procedimenti. Diplomatasi nella sezione di scultura all' accademia di belle arti di Firenze, con una tesi sulla fusione a cera persa, anche la figlia Sarah si dedica al lavoro in fonderia. Dal 2010, la ditta si trasforma in Del Giudice Leonardo di Del Giudice Giacomo e Sarah s.n.c. e viene gestita dai "fratelli Del Giudice" che volontariamente tendono a mantenere il laboratorio con quel carattere di bottega antica, dove nascono lavori di grande pregio tecnico.

Sia Giacomo che Sarah oltre a dedicarsi alla produzione delle opere degli artisti che lavorano presso la fonderia si dedicano a realizzare anche le proprie. Espongono da molti anni in mostre personali o esponendo insieme presso rassegne d'arte o gallerie. Nel territorio del Chianti nel 2007 firmano insieme la loro prima opera pubblica a Panzano, espongono al Palazzo del Fiorino a Greve in Chianti, e nel 2009 sempre insieme inaugurano l'ampliamento del Museo d' arte Sacra San Francesco a Greve in Chianti. Sarah una volta conclusi gli studi artistici si dedica al lavoro presso la fonderia artistica del padre a Strada in Chianti dove vive e lavora da anni. Presso i locali della fonderia continua nella creazione delle proprie opere che entrano a far parte di importanti collezioni private nazionali e internazionali e parchi pubblici, espone in personali e in gallerie fiorentine e toscane. Giacomo lavora, e ha sempre lavorato, presso la fonderia artistica a cera persa del padre come collaboratore. Crea le suggestioni delle proprie opere utilizzando quei materiali che per la fonderia sono di scarto assemblandole in soluzioni poetiche e leggere. Le sue opere si trovano in collezioni in Italia, Germania, Australia e Gran Bretagna.

Home Page
Eventi
Arte sul territorio

Video
La Valle di Cintoia
Flora
Fauna
Luoghi
Itinerario 1
Itinerario 2
Itinerario 3
Il tracciato della Chiantigiana
Natura e Arte
Segni di fede
Prospettive
Libri
Aziz
Bini
Cavallini
Del Giudice
Granucci
Framis
Guasti
Mitoraj
Moradei Gabbrielli
Nicolaus
Staccioli
Talani
Il Seminatore(Del Giudice)